E’ il secondo procedimento giudiziario contro gli esponenti di una banca sammarinese, dopo l’Istituto Bancario Sammarinese, dove si avevano avuti tanti patteggiamenti.

SAN MARINO. A Forlì’, il sostituto procuratore Filippo Santangelo  ha chiesto una condanna a 10 anni per l’ex presidente di Asset BancaStefano Ercolani, e 8 anni per l’ex direttore della stessa banca, Barbara Tabarrini, nel corso del processo ‘Re Nero‘ che si avvia alla conclusione.

Richiesta di condanna anche per Asset Banca e  per la collegata San Marino Asset Management, che avrebbero operato in collegamento con Banca di Credito e Risparmio di Romagna.

Per il “collegamento vivente” tra le due banche, il professionista sammarinese Stefano Venturini, il pm ha chiesto 8 anni e 15 mila euro. Stessa pena per Vincenzo Dell’Aquila, 8 anni 2 mesi e 20 mila euro. 6 anni, 6 mesi e 13 mila euro di multa invece per Valerio Abbondanza mentre per Stefano Galvani, presidente del collegio sindacale che venne incaricato di evitare lo strappo con Banca d’Italia, 6 anni e 6 mesi e 13 mila euro“. (da San Marino Rtv)

Per una ricostruzione della intera vicenda leggi il libro Re Nero.

La indagine cominciata nel gennaio 2008 ha dato il via alla crisi del sistema finanziario sammarinese ancora non terminata, come emerge dal crollo della raccolta.

Il primo processo andato a termine fu quello relativo all’Istituto Bancario Sammarinese.

Share This